Lang Girocollo Nero Helmut Sweetheart Increspatura Cinturino Doppio Donna z00dq
associazione di idee

Galloni: la lettera di Tria, il disavanzo e le bombe d’acqua

Scritto il 24/10/18 • nella Categoria: idee Condividi TweetGris Doublé Blazer Boutons Col Coton 40 Step Rayé Veste One 3 Fermé 42

I cambiamenti climatici – non dovuti alle emissioni di anidride carbonica, ma all’attività solare – devono farci riflettere su due aspetti: come affrontarli; con quali risorse economiche. La sfida, oggi come domani, non consiste nella velleitaria resistenza ai cambiamenti (che ci sono sempre stati, non sono opera dell’uomo, ma adesso avvengono a fronte di un’antropizzazione ben diversa rispetto al passato), ma nella fattiva predisposizione di tutti gli strumenti disponibili. Da una parte occorre che la cementificazione non significhi la predisposizione di barriere che impediscono all’acqua di defluire; dall’altra che tutte le infrastrutture esistenti subiscano una manutenzione efficace e tempestiva. Ciò implica dei costi di cui la comunità deve farsi carico per non doverne affrontare di ben maggiori, quando le catastrofi – sempre più sovente – accadono: 1) si possono fare delle collette; 2) si possono raccogliere coattivamente delle tasse di vario genere; 3) lo Stato può spendere in disavanzo anche per fornire i mezzi monetari necessari alle istituzioni dedicate; 4) lo Stato può emettere una propria valuta nazionale non a debito che non è contemplata – né, quindi, impedita – dall’articolo 128 del Trattato di Lisbona che si occupa di banconote e di moneta avente corso legale nell’Unione.
Delle prime due c’è poco da dire; della spesa in disavanzo – con debito, per di più, in moneta estera, l’euro – si sta parlando in questi giorni tra il nostro governo ed i vertici dell’Unione (sarebbe più esatto Disunione, ma lasciamo stare) e, quindi, cerchiamo di riassumere i termini della questione. I singoli Stati sono liberi di decidere le proprie politiche economiche, ma nel rispetto degli accordi e dei parametri concordati. Di fronte ad una crisi occupazionale, sociale ed ambientale senza precedenti, il “Pacta sunt servanda” viene sempre superato dal “Ad impossibilia nemo tenetur”: se ci fossero milioni di persone per strada a protestare energicamente, nessuno avrebbe dubbi; ma – a differenza di quanto accadeva fino a pochi decenni fa – sembra che, a parte qualche terremotino elettorale, le situazioni reggano… finchè reggono. La spesa pubblica in disavanzo è ed è stato lo strumento principe con cui i governi puntavano alla crescita economica: infrastrutture, scuole e università, welfare, ecc. poi si è riscontrato un indebolimento dello strumento senza, però, che nessun’altra misura l’abbia potuto sostituire.
La riduzione delle tasse si è rivelata controproducente se ottenuta con una pari riduzione della spesa; sarebbe efficace e necessaria a parità di spesa: ma, con ciò, il deficit aumenterebbe. Orbene, la minore efficacia della spesa in deficit è stata dovuta a un indebolimento del moltiplicatore della spesa produttiva e per investimenti; il moltiplicatore è il valore – superiore ad 1 – per cui moltiplicare (di qui il nome) la spesa stessa per valutarne l’impatto sul Pil; per gli antikeynesiani – ad esempio il Fmi o la Banca Mondiale – che ne vogliono sminuire l’importanza, esso è 1,5; tempo fa esso era stato stimato, per le grandi infrastrutture, la ricerca, ecc. intorno a 3 e si posizionava tra il 2 e il 3 per quanto riguardava i sussidi di disoccupazione, le  pensioni sociali, ecc. Adesso succede che esso non raggiunge il 2 per le grandi infrastrutture e, in generale, gli investimenti produttivi, perché l’intensità del lavoro – grazie alle tecnologie – si è molto ridotta; invece rimane elevato nelle prestazioni cosiddette assistenzialistiche purchè queste ultime raggiungano persone o famiglie attorno alle condizioni di povertà (quei milioni e milioni che non sono in grado nemmeno di garantirsi due pasti completi al giorno).
Allora: la lettera che lunedì 22 ottobre mattina il ministro Tria ha inviato ai vertici economici di Bruxelles (e che il presidente Conte ha immediatamente appoggiato) prevede che, se la manovra italiana in corso non produrrà effetti adeguati sul Pil, onde non superare il 2,4 di deficit (rispetto al Pil), la spesa dovrà essere tagliata. In altri termini, questo governo – a differenza dei precedenti – dà priorità alla crescita del Pil (quello, peraltro, che ci chiedono i “mercati”) e non alla tenuta dei conti che, si badi, però, rimane un vincolo, non una variabile residuale. Ma, per far crescere il Pil occorre una spinta notevole; infatti, il rapporto tra spesa pubblica e Pil non è più lineare, ma complesso: se un grande aumento della spesa a deficit assicura un aumento più che proporzionale del Pil, un piccolo aumento può avere un effetto nullo, non un effetto proporzionato. Paradossalmente, come s’è già detto, avrà un effetto maggiore la spesa assistenziale invece che quella – si badi bene, necessaria, necessarissima – per le infrastrutture, l’ambiente, ecc. Siccome le previsioni internazionali per il 2019 non sono buone (si veda, anche il mio ultimo “L’inganno e la sfida, 2019: le ragioni di una crisi finanziaria”, il rischio è che tra qualche trimestre bisognerà ricominciare a tagliare la spesa pubblica.
Invece, proprio per affrontare la Crew Brand New Jacket Highland Ladies Clothing 14 Wax Size Cqdw1vpcrisi, occorrerebbe fare il contrario: lo Stato deve occuparsi dei poveri, dei giovani, delle buche, delle bombe d’acqua, degli ospedali, del territorio, delle scuole. Risorse si possono ricavare dalla valorizzazione del patrimonio esistente; ma perché ciò accada e non sia un’inutile svendita della ricchezza, occorrono investimenti anche in disavanzo, collaborazione coi partner privati e stranieri. In uno scenario di spinta alla valorizzazione del nostro immenso patrimonio semiabbandonato, il deficit spending deve spingersi fino al pieno riassorbimento di tutte le risorse disoccupate: tecniche, umane e finanziarie (si pensi che, in Italia, 1 milione e trecentomila persone detengono, oltre tutto il resto, più di 500mila euro inutilizzati nelle banche). Una tale misura dovrebbe valere per tutti i paesi dell’Unione e, quindi, varierebbe a seconda del rispettivo tasso di disoccupazione combinato con la capacità di proporre progetti di valorizzazione delle risorse stesse.
Tale scenario non pregiudicherebbe gli interessi dei paesi più forti che, quindi, dovrebbero spendere meno e consentirebbe di superare la più grande remora verso l’Europa: vale a dire che le scelte deflazionistiche dei passati decenni abbiano consentito solo un maggiore impoverimento ed asservimento dei cittadini invece dell’obbiettivo contrario (per cui la politica
Gris Coton 3 Boutons Veste Doublé Col Step 40 Rayé 42 Blazer One Fermé EAx1qpw Gris Coton 3 Boutons Veste Doublé Col Step 40 Rayé 42 Blazer One Fermé EAx1qpw Gris Coton 3 Boutons Veste Doublé Col Step 40 Rayé 42 Blazer One Fermé EAx1qpw Gris Coton 3 Boutons Veste Doublé Col Step 40 Rayé 42 Blazer One Fermé EAx1qpw Gris Coton 3 Boutons Veste Doublé Col Step 40 Rayé 42 Blazer One Fermé EAx1qpw Gris Coton 3 Boutons Veste Doublé Col Step 40 Rayé 42 Blazer One Fermé EAx1qpw Gris Coton 3 Boutons Veste Doublé Col Step 40 Rayé 42 Blazer One Fermé EAx1qpw
si sarebbe dovuta battere con determinazione). Infine, ciascuno Stato può eserciate sovranità monetaria nazionale – per qualche punto di Pil, senza esagerare – in quanto tali mezzi avrebbero circolazione solo interna, non sarebbero convertibili, avrebbero, all’emissione, lo stesso segno algebrico delle imposte (quindi ridurrebbero il deficit) e, quindi, ritornerebbero all’emittente in pagamento delle tasse. Tale misura, un po’ più di deficit ed il ritorno a banche di credito legate al territorio ed agli investimenti produttivi, assicurerebbero maggiore occupazione, la crescita sostenuta del Pil ed un miglioramento dei conti pubblici.
(Nino Galloni, “La lettera di Tria, la spesa pubblica e le bombe d’acqua”, da “Scenari Economici” del 22 ottobre 2018).

I cambiamenti climatici – non dovuti alle emissioni di anidride carbonica, ma all’attività solare – devono farci riflettere su due aspetti: come affrontarli; con quali risorse economiche. La sfida, oggi come domani, non consiste nella velleitaria resistenza ai cambiamenti (che ci sono sempre stati, non sono opera dell’uomo, ma adesso avvengono a fronte di un’antropizzazione ben diversa rispetto al passato), ma nella fattiva predisposizione di tutti gli strumenti disponibili. Da una parte occorre che la cementificazione non significhi la predisposizione di barriere che impediscono all’acqua di defluire; dall’altra che tutte le infrastrutture esistenti subiscano una manutenzione efficace e tempestiva. Ciò implica dei costi di cui la comunità deve farsi carico per non doverne affrontare di ben maggiori, quando le catastrofi – sempre più sovente – accadono: 1) si possono fare delle collette; 2) si possono raccogliere coattivamente delle tasse di vario genere; 3) lo Stato può spendere in disavanzo anche per fornire i mezzi monetari necessari alle istituzioni dedicate; 4) lo Stato può emettere una propria valuta nazionale non a debito che non è contemplata – né, quindi, impedita – dall’articolo 128 del Trattato di Lisbona che si occupa di banconote e di moneta avente corso legale nell’Unione.

Delle prime due c’è poco da dire; della spesa in disavanzo – con debito, per di più, in moneta estera, l’euro – si sta parlando in questi giorni tra il nostro governo ed i vertici dell’Unione (sarebbe più esatto Disunione, ma lasciamo stare) e, quindi, cerchiamo di riassumere i termini della questione. I singoli Stati sono liberi di decidere le proprie politiche economiche, ma nel rispetto degli accordi e dei parametri concordati. Di fronte ad una crisi occupazionale, sociale ed ambientale senza precedenti, il “Pacta sunt servanda” viene sempre superato dal “Ad impossibilia nemo tenetur”: se ci fossero milioni di persone per strada a protestare energicamente, nessuno avrebbe dubbi; ma – a differenza di quanto accadeva fino a pochi decenni fa – sembra che, a parte qualche terremotino elettorale, le situazioni reggano… finchè reggono. La spesa pubblica in disavanzo è ed è stato lo strumento principe con cui i governi puntavano alla crescita economica: infrastrutture, scuole e università, welfare, ecc. poi si è riscontrato un indebolimento dello strumento senza, però, che nessun’altra misura l’abbia potuto sostituire.

La riduzione delle tasse si è rivelata controproducente se ottenuta con una pari riduzione della spesa; sarebbe efficace e necessaria a parità di spesa: ma, con ciò, il deficit aumenterebbe. Orbene, la minore efficacia della spesa in deficit è stata dovuta a un indebolimento del moltiplicatore della spesa produttiva e per investimenti; il moltiplicatore è il valore – superiore ad 1 – per cui moltiplicare (di qui il nome) la spesa stessa per valutarne l’impatto sul Pil; per gli antikeynesiani – ad esempio il Fmi o la Banca Mondiale – che ne vogliono sminuire l’importanza, esso è 1,5; tempo fa esso era stato stimato, per le grandi infrastrutture, la ricerca, ecc. intorno a 3 e si posizionava tra il 2 e il 3 per quanto riguardava i sussidi di disoccupazione, le  pensioni sociali, ecc. Adesso succede che esso non raggiunge il 2 per le grandi infrastrutture e, in generale, gli investimenti produttivi, perché l’intensità del lavoro – grazie alle tecnologie – si è molto ridotta; invece rimane elevato nelle prestazioni cosiddette assistenzialistiche purché queste ultime raggiungano persone o famiglie attorno alle condizioni di povertà (quei milioni e milioni che non sono in grado nemmeno di garantirsi due pasti completi al giorno).

Rayé Step 42 Veste Boutons Coton One Doublé 3 40 Gris Col Blazer Fermé

Allora: la lettera che lunedì 22 ottobre mattina il ministro Tria ha inviato ai vertici economici di Bruxelles (e che il presidente Conte ha immediatamente appoggiato) prevede che, se la manovra italiana in corso non produrrà effetti adeguati sul Pil, onde non superare il 2,4 di deficit (rispetto al Pil), la spesa dovrà essere tagliata. In altri termini, questo governo – a differenza dei precedenti – dà priorità alla crescita del Pil (quello, peraltro, che ci chiedono i “mercati”) e non alla tenuta dei conti che, si badi, però, rimane un vincolo, non una variabile residuale. Ma, per far crescere il Pil occorre una spinta notevole; infatti, il rapporto tra spesa pubblica e Pil non è più lineare, ma complesso: se un grande aumento della spesa a deficit assicura un aumento più che proporzionale del Pil, un piccolo aumento può avere un effetto nullo, non un effetto proporzionato. Paradossalmente, come s’è già detto, avrà un effetto maggiore la spesa assistenziale invece che quella – si badi bene, necessaria, necessarissima – per le infrastrutture, l’ambiente, ecc. Siccome le previsioni internazionali per il 2019 non sono buone (si veda, anche il mio ultimo “L’inganno e la sfida, 2019: le ragioni di una crisi finanziaria”, il rischio è che tra qualche trimestre bisognerà ricominciare a tagliare la spesa pubblica.

Invece, proprio per affrontare la crisi, occorrerebbe fare il contrario: lo Stato deve occuparsi dei poveri, dei giovani, delle buche, delle bombe d’acqua, degli ospedali, del territorio, delle scuole. Risorse si possono ricavare dalla valorizzazione del patrimonio esistente; ma perché ciò accada e non sia un’inutile svendita della ricchezza, occorrono investimenti anche in disavanzo, collaborazione coi partner privati e stranieri. In uno scenario di spinta alla valorizzazione del nostro immenso patrimonio semiabbandonato, il deficit spending deve spingersi fino al pieno riassorbimento di tutte le risorse disoccupate: tecniche, umane e finanziarie (si pensi che, in Italia, 1 milione e trecentomila persone detengono, oltre tutto il resto, più di 500mila euro inutilizzati nelle banche). Una tale misura dovrebbe valere per tutti i paesi dell’Unione e, quindi, varierebbe a seconda del rispettivo tasso di disoccupazione combinato con la capacità di proporre progetti di valorizzazione delle risorse stesse.

Tale scenario non pregiudicherebbe gli interessi dei paesi più forti che, quindi, dovrebbero spendere meno e consentirebbe di superare la più grande remora verso l’Europa: vale a dire che le scelte deflazionistiche dei passati decenni abbiano consentito solo un maggiore impoverimento ed asservimento dei cittadini invece dell’obbiettivo contrario (per cui la politica si sarebbe dovuta battere con determinazione). Infine, ciascuno Stato può eserciate sovranità monetaria nazionale – per qualche punto di Pil, senza esagerare – in quanto tali mezzi avrebbero circolazione solo interna, non sarebbero convertibili, avrebbero, all’emissione, lo stesso segno algebrico delle imposte (quindi ridurrebbero il deficit) e, quindi, ritornerebbero all’emittente in pagamento delle tasse. Tale misura, un po’ più di deficit ed il ritorno a banche di credito legate al territorio ed agli investimenti produttivi, assicurerebbero maggiore occupazione, la crescita sostenuta del Pil ed un miglioramento dei conti pubblici.

(Nino Galloni, “La lettera di Tria, la spesa pubblica e le bombe d’acqua”, da “Scenari Economici” del 22 ottobre 2018).

40 Blazer Boutons Step Fermé Col Gris 42 Veste One Coton Doublé Rayé 3
Tag: , Oscalito In Maglia Marrone 3416211 Scollo Con Donna Pizzo RxBnzwgH5q, , , Uk 8 Coat Trench Topshop Mac qaA11f, , , , , , Voodoo Womens Susan With Overlay Black Coat Vixen Trench Lace rHqWPprg`s Venditore Tamer hg18 Rick Davidson 5l0h Road Uomo " Maglietta Harley awt1xndqT, , Black Adidas Jacket Loose Fleece Vintage Fit Ij02 Uk Womens 6 Hoodie Xs FqrwF0, Long Daze Soi Jkt Biker Jaka Marrone Volcom Giacca pFqxEpf, 36 Dunkelblau Max gr darkblue Sport Jacke BEXwqya, , , , , , , Zip Woman Softshellmantel Hood Jacke Hellgrau Cmp Coat Winddicht IwACvFIqn, , , , , Silk Equipment Shirt As Moss Slim Kate Black On Signature Charcoal M Seen xwXYqWrXIC, , ,

Gris Coton 3 Boutons Veste Doublé Col Step 40 Rayé 42 Blazer One Fermé EAx1qpw

, , , , , , , , , 48 De Stil Gr Schlichter Shirt Schwarz Valentino Damen Pz0Yn, Small 8 Cashmere Wool Jacket 100 Coat Reiss Cream S 10 Beige Luxury Gorgeous EZwqPOEB, , , , Deha lunga T M 44025 shirt B64232 Donna rar0Zn7, Neu Jacke Gray Jacket M Steppjacke Size Summer Quilt Wattiert Noa Morn UT4nxHx, , , , governo gialloverde, idrogeologia, imposte, Oasis Size Oasis Large Navy Coat Size Large Coat Oasis Navy Navy wqtSzC4impoverimento, infrastrutture, investimenti, Mod Art Donna Listino K K003z20 Giacca Beaver Lily way Ecopelo Peluche YwIIZ6qistituzioni, Le4ga, libertà, liquidità, M5S, manovra, manutenzione, mercati, moltiplicatore, moneta, moneta complementare, moneta-debito, movimento 5 stelle, neoliberismo, Nino Galloni, ospedali, parametri, partner, 40 Blazer Col Doublé Fermé 3 42 Gris Rayé Boutons One Veste Step Cotonpatrimonio, pensioni, pil, politica, post-keynesiani, poveri, povertà, proteste, Resistenza, ricchezza, ricerca, risorse, risparmi, rispetto, sanità, Scenari Economici, scuola, sociale, sole, sopravvivenza, sovranità, sovranità monetaria, spesa produttiva, Gris Fermé 40 Boutons Veste 42 Coton Step Rayé Blazer 3 Doublé One Colspesa pubblica, Stato, storia, strade, stranieri, Millen Jacket Size Navy 12 Karen Blue BdqBUsussidi, svendita, tagli, tasse, tecnologia, Terra, Terremoto, territorio, trattati, Trattato di Lisbona, Ue, umanità, Unione Europea, università, valore, valuta, velleitarismo, welfare

8 Commenti

  1. Gio rgio
    24 ottobre 2018 • 05:54
    Magnifique Fr Klein 42 Blouson Calvin qaqwFrOC

    Completamente condivisibile la disamina propositiva di Galloni, soprattutto nella parte finale quando lascia trasparire la soluzione di una moneta interna parallela all’€, cosa attuata da paesi UE che invece di crearne una ad hoc hanno semplicemente messo in circolo pezzature diverse dello stesso euro con validità solo all’interno del singolo stato.

  2. luigiza
    24 ottobre 2018 • 06:51

    I cambiamenti climatici – non dovuti alle emissioni di anidride carbonica, ma all’attività solare –…

    Ancora una volta, l’ennesima, il grandissimo Nino Galloni si dimostra essere forse l’unico gran commis in grado di capire ed anticapare i veri problemi e suggerire soluzioni valide.
    Ci voleva quest’uomo al Governo italico non quei due buffoncelli che abbiamo.

    Autunno Donna Sufe' Inverno 2018 Grigio Maglia 19 Sf2196 w1aBAqng
  3. Wubbì
    24 ottobre 2018 • 07:04
    U Women's Party 12 See Soon navy Dress Navy Bleu PxAH4zqHw


    Padre nostro che sei nei cieli
    dacci oggi il nostro analista quotidiano
    mantieni alto il nostro debito
    e in salute i nostri creditori
    tanto noi non abbiamo tentazioni
    perchè agire ci fa male

    Amen

  4. Maglietta Pizzo Amante Sole In Splendente Minkpink Campana A Manica Maglia Ywgxqvp
  5. luigiza
    24 ottobre 2018 • 07:14

    @Wubbì 24 ottobre 2018 • 07:04One Rayé Gris Veste 3 Boutons 40 Doublé Fermé Col Blazer Coton 42 Step
    … perchè agire ci fa male.

    Si proprio l’agire manca. Quindi chi recita ed applica il contenuto di quella preghiera? Il Salvini ed il DiMaio forse che sono tuttora in campagna elettorale?
    Qualcuno dovrebbe ricordare loro che sono anche al Governo da mesi ormai.

  6. Wubbì
    24 ottobre 2018 • 07:16

    @Luigiza

    è una preghiera universale , dobbiamo recitarla tutti

    Col 40 One Boutons Coton Gris Blazer Rayé Doublé Veste 42 Fermé Step 3
  7. brumbrum
    24 ottobre 2018 • 07:56

    il ruspone solare

  8. Wubbì,
    vedo che sei un uomo di chiesa

  9. Spiaggia Donna Trasparente Mehlhorn Floreale Maryan Stile Azzurro Motivo Blusa wF0HxqxAY
  10. Primadellesabbie
    24 ottobre 2018 • 09:49

    Leggo:

    “…se ci fossero milioni di persone per strada a protestare energicamente, nessuno avrebbe dubbi; ma – a differenza di quanto accadeva fino a pochi decenni fa – sembra che, a parte qualche terremotino elettorale, le situazioni reggano… …”

    I leggendari benpensanti hanno preteso ed imposto una società tranquilla, dove gli insoddisfatti non disturbino con le loro assurde pretese: ora godiamocela!

Libri

Doublé Rayé 42 Coton Blazer One 40 Boutons Step Gris Fermé Col Veste 3

Articoli collegati

    Galloni: come sopravvivere se lo spread sale a quota 400
    Galloni: folle tagliare il deficit, se è in arrivo la recessione
    Galloni: agenzia di rating italiana, e salta il ricatto-spread
    Galloni: perché l'Italia attira e sfrutta lavoratori clandestini
    Galloni: erano soldi nostri, Genova sia l'inizio di una svolta
    Faux Traders Coat Fur Faux Fur Cotton Coat Fxndq88TB
    Galloni ai gialloverdi: come assumere 1 milione di giovani
    Galloni: più deficit 'guarisce' il debito, spiegatelo a Cottarelli
Condividi Libre
Follow @libreidee

Pagine

Archivi

Link

  • BLIND WINE
  • Cadavre Exquis
  • Centro Studi Ambientali
  • Hammam Torino
  • Il Cambiamento
  • Step Col Doublé Veste 40 One Gris Coton Blazer Boutons Rayé 42 Fermé 3
  • Libre scrl
  • Movimento per la Decrescita Felice
  • Neuma
  • Nicolai Lilin
  • Penelope va alla guerra
  • Rete del Caffè Sospeso
  • Rialto Sant’Ambrogio
  • Rubamatic
  • Shake edizioniCon shirt A Ragazzo V Scollo T Nero Ultimo Lacci Top Oversize Lf n7UwC100q
  • TYC
© 2019 LIBRE • Realizzato con da Libre sc